Italiano

Domenica 1 Ottobre

Il Vangelo di questa domenica ci invita a spezzare i luoghi comuni nel giudicare gli altri. Il valore autentico e nascosto di ogni persone è noto solo a Dio che scruta il nostro cuore custodendone i segreti più profondi. Il profeta Ezechiele, nel capitolo XVIII dedicato al tema della responsabilità individuale, dichiara che il destino del giusto non è automaticamente assicurato dalla sua condotta passata, ma dalla fedeltà e dalla costanza nel bene sino alla fine. Allo stesso modo, la vita dell’empio non è definitivamente siglata se non al momento della morte: la decisione della conversione può, infatti, spezzare la catena del male e aprire una nuova storia di vita e di speranza. L’obbedienza a Dio, nella completa donazione di sé, è il modello che Paolo presenta ai cristiani di Filippi ponendo il suo sguardo nel Cristo crocifisso. A questa sottomissione è contrapposta la falsa e ipocrita obbedienza del figlio solo apparentemente ossequiente che, in realtà, vive una profonda e acerba ribellione al padre; una ribellione presente nel cuore di ogni uomo, che trova il suo superamento nell’apertura alla Grazia capace di muovere il cuore verso la più generosa e fattiva conversione. Le situazioni possono essere ribaltate ed è questa la grande forza della libertà umana e della grazia divina.

Dal Vangelo secondo Matteo (21, 28-32)

In quel tempo, Gesù disse ai capi dei sacerdoti e agli anziani del popolo: “Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli. Si rivolse al primo e disse: “Figlio, oggi và a lavorare nella vigna”.

Ed egli rispose: “Non ne ho voglia”. Ma poi si pentì e vi andò.

Si rivolse al secondo e disse lo stesso. Ed egli rispose: “Si, signore”. Ma non vi andò. Chi dei due ha compiuto la volontà del padre?”.

Risposero: “Il primo”. E Gesù disse loro: “In verità io vi dico: i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio.

Giovanni infatti venne a voi sulla via della giustizia, e non gli avete creduto; i pubblicani e le prostitute invece gli hanno creduto. Voi, al contrario, avete visto queste cose, ma poi non vi siete nemmeno pentiti così da credergli”.

Don Pino Esposito

Don Pino Esposito - Domenica 1 ottobre

Don Pino Esposito Foto di Don Pino Esposito Parroco delle Parrocchie della SS.Trinità in San Donato di Ninea, di Santa Rosalia, e del SS. Salvatore in Policastrello
       
      S.Donato di Ninea,       Italia    
donpinoesposito@donpinoesposito.it

Don Pino Esposito Home page

: Facebook Don Pino EspositoTwitter Don Pino EspositoGoogle+ Don Pino EspositoYoutube Don Pino EspositoFlickr Don Pino EspositoTumblr Don Pino EspositoBlogger Don Pino EspositoPinterest Don Pino Esposito