Italiano

Don Pino Esposito - Charitas - Vicino ai poveri ed ai bisognosi, cosa vuol dire essere volontari nella carità

Vivere quotidianamente la cristianità, considerazioni e consigli che ho raccolto in questa rubrica Don Pino Esposito Charitas.  

Misericordia, amore, attenzione agli altri, impegno di missionarietà e di promozione umana verso le periferie del mondo, sono le aspettative che si hanno da ogni cristiano, ma anche le parole-chiave del magistero di papa Francesco che, nell’enciclica “Lumen Fidei” (scritta a quattro mani con il papa emerito Benedetto XVI), sprona la Caritas a proseguire nell’impegno quotidiano accanto ai più sofferenti. Ed in questo 2016 appena concluso abbiamo vissuto sia l’anniversario per i 45 anni della Caritas Italiana, sia un giubileo straordinario, fortemente voluto da papa Francesco, che ha avuto al suo centro proprio la misericordia di Dio. Il papa si è così espresso, infatti , sulla carità: “Di fronte alle sfide e alle contraddizioni del nostro tempo ecco l’obiettivo principale del vostro essere e del vostro agire: essere stimolo e anima perché la comunità tutta cresca nella carità e sappia trovare strade sempre nuove per farsi vicina ai più poveri, capace di leggere e affrontare le situazioni che opprimono milioni di fratelli – in Italia, in Europa, nel mondo”.

Così viene descritta, nell’articolo primo dello statuto, la Caritas Italiana, ossia “l'organismo pastorale costituito dalla Conferenza Episcopale Italiana al fine di promuovere, anche in collaborazione con altri organismi, la testimonianza della carità della comunità ecclesiale italiana, in forme consone ai tempi e ai bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell'uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica.” In conformità all’articolo 1 dello statuto, i compiti della Caritas Italiana sono essenzialmente quattro, ossia: promuovere nelle Chiese, attraverso una stretta collaborazione con i Vescovi, l’animazione del senso della carità verso persone e comunità in difficoltà, producendo, inoltre, eventi concreti con carattere promozionale e, se possibile , preventivo; coordinare le varie iniziative e opere caritative ed assistenziali di ispirazione cristiana; intervenire in caso di emergenza legata a calamità o altri disastri, in Italia o all’Estero, organizzando eventi per aiutare i bisognosi; infine, ultimo, ma non meno importante, promuovere il volontariato e contribuire allo sviluppo umano e sociale attraverso la prestazione di servizi e aiuti economici.

La Caritas nasce nel 1971 per volere di Papa Paolo VI seguendo lo spirito del rinnovamento avviato dal Concilio Vaticano II e si radica profondamente nel territorio italiano grazie alle più di 220 caritas diocesane impegnate nell’animazione della comunità ecclesiale e civile, nella promozione di strumenti pastorali e servizi come centri di ascolto, osservatori delle povertà e delle risorse, centri di accoglienza e tante altre iniziative con particolare attenzione agli ultimi. Nata anche per sostituire la Pontificia Opera di Assistenza (POA), da un’opera soprattutto assistenziale si è passati ad un organismo ecclesiale prevalentemente pedagogico e promozionale. Non solo Italia, però, dal momento che la Caritas è presente in 155 paesi nel mondo con il nome di “Caritas Internationalis” che la rende uno degli organismi non statali più grandi per ramificazione e potenzialità. Non statale poiché la Caritas non è né un gruppo caritativo, né un movimento né una ONG, ma semplicemente un organismo ecclesiale che, promuovendo la testimonianza della carità, sensibilizza ed educa le comunità sui bisogni dei propri membri e sulle situazioni di sofferenza di tutto il mondo. Dal 1977, anno in cui avviene la convenzione col ministero della Difesa, molti giovani sceglieranno, infatti, la proposta dell’obiezione di coscienza e del servizio civile offrendo la loro disponibilità proprio nei servizi promossi dalle Caritas diocesane, portando a vivere per primi gli insegnamenti di Cristo nella propria vita e in quella delle persone con cui verranno a confrontarsi. Poiché il volontariato apre una vera e propria riflessione su quello che ogni cristiano è portato a fare nella propria vita, ossia, così come la Chiesa ci insegna, “ripartire dagli ultimi” per portare conforto, aiuto e speranza attraverso una particolare attenzione caritativa e sociale. Come segno eloquente di gratuità e di condivisione molte ragazze decideranno a partire dagli anni ottanta di vivere quell’Anno di volontariato sociale (AVS) proprio offrendo il loro servizio a favore dell’evangelizzazione e della testimonianza della carità. Uno degli aspetti fondamentali del volontariato è la sua gratuità e il suo essere “dono” nei confronti dei bisognosi, così come Cristo per primo si è fatto “dono” per tutti noi, siamo portati allo stesso tempo anche noi a donarci ogni giorno per l’altro, “partire dai poveri per costruire comunità”, per usare un termine derivante da uno dei tanti documenti che sono stati scritti negli anni durante i vari convegni nazionali delle Caritas diocesane. Un discorso volutamente ripreso anche da Benedetto XVI nell’Enciclica “Deus Caritas est” in cui il papa vuole mostrare i vari aspetti del concetto cristiano di amore, ossia dell'equivalenza per un cristiano di "amore" e "carità", e della sostanziale differenza dall'eros, ossia l'amore tra uomo e donna, che pure deriva dalla bontà del Creatore, e ancora dell'amore di chi rinuncia a se stesso in favore dell’altro. Perché in quanto esseri umani non possiamo donare amore, se prima non l’acquisiamo. Non possiamo amare, se prima non siamo amati. E quindi, riprendendo le parole di Benedetto XVI, “dobbiamo dare l’amore agli altri, ma acquisendolo prima da Dio”.

Don Pino Esposito

Don Pino Esposito Charitas - Vicino ai poveri ed ai bisognosi, cosa vuol dire essere volontari nella carit��

Don Pino Esposito Foto di Don Pino Esposito Parroco delle Parrocchie della SS.Trinità in San Donato di Ninea, di Santa Rosalia, e del SS. Salvatore in Policastrello
       
      S.Donato di Ninea,       Italia    
donpinoesposito@donpinoesposito.it

Don Pino Esposito Home page

: Facebook Don Pino EspositoTwitter Don Pino EspositoGoogle+ Don Pino EspositoYoutube Don Pino EspositoFlickr Don Pino EspositoTumblr Don Pino EspositoBlogger Don Pino EspositoPinterest Don Pino Esposito